Siti di altri Paesi:

Una vita quasi normale grazie alla dialisi domiciliare

90 minuti di terapia giornaliera facilmente integrati nella vita quotidiana

Porto. Pedro ha già preparato la colazione sul tavolo prima che la sua famiglia si svegli. Non vede l'ora di leggere il quotidiano. Solo cinque anni fa, trovava a malapena il tempo. Ma dal momento in cui è diventato un paziente in dialisi, utilizza il proprio tempo in modo intelligente durante il primo scambio di 30 minuti, eseguito autonomamente a casa. Poi sveglia il figlio di 6 anni, lo prepara per andare a scuola dove lo lascia recandosi al lavoro.

Tre volte al giorno Pedro Monteiro deve eseguire il suo scambio. "In totale ho bisogno di soli 90 minuti al giorno per la dialisi ", afferma deciso l'ingegnere. Lo scambio può essere integrato nella routine quotidiana e lavorativa. E la cosa più importante: Pedro Monteiro può continuare ad essere indipendente dagli altri. Un aspetto che gli è caro e lo tocca da vicino. 

Paziente in dialisi domiciliare mentre legge un libro

L’incertezza

Pedro Monteiro ricorda ancora il giorno in cui gli era stata fatta la diagnosi, dopo aver eseguito un esame del sangue nel febbraio 2011: entrambi i reni funzionavano solo ad un livello limitato. La dialisi era assolutamente necessaria. Uno shock per lui. Con voce leggermente rauca, afferma che in fondo si aspettava l'arrivo di questo giorno. Ma ha fatto di tutto per non pensarci. Immaginare la sua vita futura nel quotidiano lo spaventava. Sarebbe stato ancora in grado di dedicare la propria vita a suo figlio, andare fuori con gli amici, praticare sport e viaggiare con la sua famiglia – semplicemente condurre una vita normale?  

Pedro Monteiro mentre guarda fuori dalla finestra

Indipendente e libero

Oggi, cinque anni dopo, Pedro Monteiro conosce le risposte alle sue domande. Sia per lavoro, sport, famiglia, sia per altre attività nel tempo libero: la sua vita differisce solo marginalmente rispetto a quella precedente la dialisi. Ogni giorno si reca ancora in ufficio e si allena nella palestra vicina. Durante il fine settimana, il 42enne spesso pratica jogging sul tranquillo lungomare di Douro. Così si sente indipendente e si libera la mente. È grato di poter praticare ancora il suo hobby preferito, spiega mentre si gode i primi raggi primaverili sulla sua pelle.

Paziente in dialisi peritoneale pratica jogging.

Dialisi domiciliare

La dialisi a domicilio si è resa possibile grazie alla decisione di Pedro Monteiro di optare per la dialisi peritoneale che è un’ alternativa adatta per l’uso quotidiano rispetto alla dialisi in ospedale. Con questo trattamento le proprietà del peritoneo vengono utilizzate per purificare il sangue dalle tossine e rimuovere i liquidi in eccesso dal corpo. Il peritoneo è una membrana naturale del corpo e funge da filtro. Quando una soluzione di dialisi rimane nella cavità addominale per diverse ore, raccoglie urea, creatinina e altri prodotti metabolici che altrimenti sarebbero eliminati dal rene. Tre volte al giorno Pedro Monteiro deve scaricare il dialisato dalla cavità addominale con l'aiuto di un catetere impiantato e infondersi la nuova soluzione di dialisi. 

Molte cose sono possibili

Se chiedete a Pedro Monteiro quali siano gli svantaggi della dialisi peritoneale, non deve pensarci a lungo: pensa che sia un peccato non poter giocare con suo figlio in piscina. Il nuoto è un tabù per lui a causa del catetere. Altrimenti ci sono molti vantaggi come l'essere più flessibile e mobile rispetto ad altre terapie. Così ha realizzato il suo più grande sogno alla fine del 2013: è volato a Rio de Janeiro con la sua famiglia dove ha trascorso qualche giorno rilassato e festeggiato il 40esimo compleanno di sua moglie godendosi la vista della Sugar Loaf Mountain. E Pedro ha già nuovi piani. "La prossima grande vacanza è già prevista", dice felice, ma non rivelerà dove. Ma una cosa è già sicura: la dialisi peritoneale la renderà possibile. 

Paziente di dialisi peritoneale

Argomenti correlati